protesi

La perdita dei denti causata da carie o dalla malattia parodontale è ancora oggi una condizione molto diffusa.

L’edentulia può essere singola, multipla o totale; nel primo caso si ha la perdita di un solo dente, nel secondo di più denti e infine nell’edentulia totale si ha la mancanza di tutti i denti.

Nel caso della mancanza di un solo dente le soluzioni protesiche per il suo ripristino sono due, le prima richiede la necessità di ricorrere all’implantologia, si sfrutta il posizionamento di un impianto per il sostegno di una corona in ceramica o altri materiali che riproducano l’anatomia del dente naturale mancante.

ponte

La seconda soluzione prevede di sfruttare i denti vicini a quelli mancanti come sostegno per la realizzazione di un ponte, dove l’elemento mancante, è unito alle corone cementate sui denti pilastro. Quest’ultima metodica molto spesso prevede la necessità di dover devitalizzare i denti che sostengono il ponte prima di poterli protesizzare.

Nello stesso tempo controindicazioni specifiche legate al sito osseo o generalizzate legate alla condizione di salute, possono essere un impedimento alla chirurgia implantare, di conseguenza la soluzione protesica del ponte su denti naturali rimane l’unica soluzione.

Nel caso di edentulie multiple come per quella singola, si possono usare come strumenti per la riabilitazione gli impianti dentali oppure delle soluzioni di ponti fissi cementati estesi col sostegno di più denti.

protesi mobileNel caso della mancanza di più denti anche la protesi mobile può essere di aiuto. La realizzazione di protesi parziali removibili (scheletrati) in alcune condizioni permettono di riavere tutti i denti mancanti e di riacquisire normali funzioni masticatorie quando non c’è la possibilità di ricorrere all’implantologia o alla protesi fissa.

 

dentieraNella condizione di edentulia totale le soluzioni protesiche sono molteplici. Una di queste è la protesi mobile totale meglio conosciuta come dentiera. Questa sfrutta  la capacità di adesione sulle gengiva delle basi in resina per rimanere ferma in posizione in bocca.

 

 

Quando col passare degli anni, le gengive si rimpiccioliscono, sempre più la tenuta della protesi si riduce sensibilmente creando diversi disagi al paziente portatore di protesi.

protesi_mobile2

In questi casi possono venire in nostro soccorso gli impianti dentali, che posizionati nell’arcata edentula, da un minimo di due fino a quattro per arcata, possono fornire un robusto ancoraggio per la protesi che potremmo definire da mobile a removibile. La presenza dell’ancoraggio su impianti, attraverso degli attacchi, garantisce la massima tenuta e il minor disagio dato dall’utilizzo della protesi mobile, eliminando i fastidi legati alla instabilità e la paura che la protesi si muova o scappi via durante il pranzo o la cena.

L’implantologia ci permette, oggi, di poter tornare ad avere tutti i denti fissi anche nel caso delle edentulie totali. Grazie al posizionamento di quattro, sei, o più impianti per arcata si possono realizzare ponti circolari avvitati o cementati sugli impianti, che riabilitano completamente l’arcata priva di denti.

CORONE SU DENTE SINGOLO

Nel caso in cui un dente aggredito da una carie destruente necessiti di una terapia canalare (devitalizzazione) si ha la necessità di proteggere il dente da eventuali fratture, coprendolo con una corona o capsula.corone