LASER

LASER

Le applicazioni del laser in odontoiatria, grazie alle moderne tecnologie sono molteplici, in una buona percentuale dei casi sfruttando le proprietà antalgiche della luce laser si possono eseguire numerosi tipi di interventi senza ricorrere alle fastidiose anestesie, tra la varie applicazioni vi sono il trattamento delle afte, lesioni erpetiche, e la bio stimolazione dei tessuti in via di guarigione. In questi casi le onde elettromagnetiche della luce laser velocizzano enormemente i processi di guarigione dei tessuti danneggiati.

Un altro uso ampiamente diffuso del laser lo si ha in ambito chirurgico, dove si possono effettuare incisioni prive di perdita di sangue, in quanto la luce laser riesce a tagliare e a coagulare contemporaneamente, d esempio, nelle riduzione dei frenuli nei bambini si riducono enormemente i tempi di guarigione e non vi è la necessità di mettere i punti di sutura, come anche nella rimozione di iperplasie gengivali, fibromi, e altri tipi di neoformazioni.

Tra le applicazioni più diffuse vi è sicuramente quella dell’utilizzo del laser per trattamento delle tasche parodontali, ovvero in quei casi in cui si soffre di piorrea, l’utilizzo della luce laser all’interno delle sacche gengivali permette di avere una forte azione antibatterica e stimolante per il tessuto di guarigione, con risultati sorprendenti e gratificanti sia per dentista che per il paziente.

Il laser risulta un metodo meno invasivo rispetto alle tecniche più tradizionali, non ha controindicazioni ed è estremamente tollerato grazie ai numerosi vantaggi che sono:

  • sanguinamento minimo assente
  • nessun gonfiore guarigione accelerata
  • minor dolore
  • sbiancamento dentale completo con una singola seduta
  • risultati visibili in minor tempo